Monday, May 23rd

Ultimo aggiornamento08:07:53 PM GMT

Lo Spedale degli Innocenti in Giappone
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

Lo Spedale degli Innocenti in Giappone

Il Giappone celebra Firenze, epicentro culturale del Rinascimento, con la mostra “Arte a Firenze da Botticelli a Bronzino: verso una ‘maniera moderna’” che ripercorre l'evoluzione dell'arte fiorentina a cavallo fra il XV e il XVI secolo. Dall' 11 ottobre al 4 dicembre 2014 il dipinto farà parte della mostra “Arte a Firenze da Botticelli a Bronzino: verso una ‘maniera moderna’” curata anche dalla Galleria degli Uffizi e ospitata al Tokyo Metropolitan Art Museum. Insieme ad oltre ottanta opere provenienti per la maggior parte dalla Galleria degli Uffizi, co-curatore della mostra insieme ai giapponesi del network televisivo TBS e del quotidiano The Asahi Shimbun, è partita per Tokyo anche “Madonna col Bambino e un angelo” di Sandro Botticelli del 1465, uno dei pezzi più importanti della collezione di opere d’arte appartenenti al Museo degli Innocenti.


Sebbene negli inventari il quadro sia citato alternativamente come opera di Filippo Lippi o della sua scuola, alla fine dell’Ottocento è stata proposta, per la prima volta, l’attribuzione al giovane Botticelli. Il dipinto fa parte di una serie di Madonne con bambino – insieme ad altre due opere conservate rispettivamente alla National Gallery di Washington e al Metropolitan Museum di New York (Madonna Havemayer) – il cui modello iconografico è individuabile nella Madonna col Bambino e due angeli di Filippo Lippi custodita agli Uffizi e databile intorno al 1465. Tra queste varianti, che presentano interpretazioni diverse del prototipo, la Madonna degli Innocenti si distingue per un’alta qualità della composizione che esclude possa trattarsi di un semplice prodotto di bottega, nonostante l’impoverimento della superficie pittorica. I dipinti di piccolo e medio formato con la raffigurazione di Madonne con il Cristo bambino derivate da celebri modelli erano assai diffusi nelle case e nei palazzi fiorentini del Quattrocento. Si tratta certamente anche nel nostro caso di un’immagine destinata alla devozione individuale che ben si addiceva ai luoghi dell’Ospedale degli Innocenti, dove il tema della maternità era una delle iconografie più rappresentate. In occasione del viaggio per l'inaugurazione della mostra, la presidente degli Innocenti Alessandra Maggi e il coordinatore del Museo Stefano Filipponi terranno un seminario all'Università di Waseda a Tokyo su "La storia dell'Istituto degli Innocenti, dal Rinascimento ad oggi".

 

 

 

Autore

 

Marisa Cancilleri


 

 

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze