Wednesday, Jul 28th

Ultimo aggiornamento01:58:11 PM GMT

L’altra metà del cielo
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

L’altra metà del cielo

L’esposizione nasce dalla collaborazione tra la Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino e l’Università degli Studi di Firenze attraverso il DIPINT ovvero il Dipartimento Interistituzionale Integrato dell’Azienda Ospedaliero Sanitaria di Careggi. Impreziosita dal catalogo edito da Sillabe, la mostra si propone l’obiettivo di scandagliare il tema della devozione privata nelle grandi famiglie fiorentine del passato, declinata soprattutto al femminile, con un approfondimento sulla famiglia Martelli. L’occasione offrirà la possibilità di accedere a luoghi, stanze e zone di Villa La Quiete solitamente non visitabili dal pubblico, aperti per un percorso ad hoc in occasione della mostra, così come il Museo Casa Martelli sarà visitabile con un itinerario del tutto insolito, cioè al contrario rispetto al consueto.

LA SEZIONE DI CASA MARTELLI
La sezione della mostra che ha sede a Casa Martelli inizia con un’introduzione storica sulla devozione a Firenze e sul culto che la famiglia Medici e il patriziato fiorentino riservarono, tra il XVII e il XIX secolo, ai santi loro concittadini e alla Santissima Annunziata di cui si espongono testimonianze della devozione all’immagine attraverso i riti, le cerimonie e i doni di cui il santuario è stato testimone. Il percorso prosegue con l’illustrazione, nei suoi aspetti più privati, del culto come la spiritualità vissuta nell’intimità dei palazzi - espressa attraverso il possesso di reliquie, libri, piccoli altari portatili e immagini devozionali - per i grandi santi fiorentini, ma soprattutto per la santità al femminile di cui le maggiori testimoni sono la carmelitana Maria Maddalena de’ Pazzi (Firenze, 1566 - 1607; can. 1669), la domenicana Caterina de’ Ricci (Firenze,1522 - Prato, 1590; can. 1746), illustre ava della Caterina che sposò nel 1802 Niccolò Martelli, e Giuliana Falconieri (Firenze, (1271(?) – 1341, can. 1737). Il tema, molto vicino alla famiglia Martelli, la cui prossimità con la Curia fiorentina è stata determinante negli ultimi secoli della sua storia, trova nell’ambientazione in alcune sale del palazzo la sua ideale collocazione. In palazzo Martelli sono conservate, infatti, numerose testimonianze, oltre a quelle portate in dote da Caterina de’ Ricci, che documentano questa vicinanza nelle scelte di vita e di religiosità partecipata, anche dalle ultime eredi della casata. In quest’ottica è da leggersi anche la volontà di Francesca, ultima dei Martelli, che lasciò erede di tutti i suoi beni alla basilica di San Lorenzo e alla Curia fiorentina. A questi aspetti si aggiunge, sempre in ambito cittadino, la celebrazione civica e familiare della devozione per alcune beate e venerabili, talvolta fondatrici di ordini monastici, spesso accomunate da nascita illustre. A completare l’approfondimento sullo stretto rapporto fra queste figure femminili e la società coeva, l’attenzione loro riservata dal clero e dai fedeli nell’ambito che va dall’assistenza all’educazione. Particolare attenzione è rivolta al culto mariano, ripercorrendo, attraverso le impressioni e i commenti dei visitatori, i pellegrinaggi alla Santa Casa di Loreto. A conclusione, un focus sul collezionismo di oggetti sacri, un vero mondo di tesori da scoprire, dove sarà esposta, collezione di meraviglie, una raccolta di opere ed oggetti di squisita fattura che testimoniano un ambito meno noto del collezionismo.

LA SEZIONE DI VILLA LA QUIETE
La sezione allestita presso alcuni ambienti di Villa La Quiete, approfondisce le origini e i caratteri di un importante filone della devozione femminile fiorentina tra Sei e Settecento. La Quiete, istituzione secolare d’ispirazione religiosa, fondata da Eleonora Ramirez de Montalvo alla metà del XVII secolo, che accoglieva donne per lo più provenienti dalla nobiltà, desiderose di vivere liberamente, senza voti, nella separatezza e nella preghiera; a questo si aggiungeva la missione educativa nei confronti delle bambine, che venivano loro affidate dalle famiglie, affinché si formassero secondo la morale cristiana e, giunte alla maggiore età, decidessero se sposarsi oppure prendere i voti. Fondatrici e, pertanto, figure-chiave di questa istituzione furono Eleonora Ramirez de Montalvo (Genova, 1602 – Firenze, 1659) e la Granduchessa Vittoria della Rovere (Pesaro, 1622 – Pisa, 1694): l'una ispiratrice della congregazione e autrice delle sue costituzioni; l'altra, superiora e “madrina” della stessa. La sezione si sviluppa in alcuni ambienti, fra cui la chiesa e il coro basso. Nella chiesa sono esposte – in aggiunta alle opere d'arte già presenti – alcune testimonianze sulle due figure appena ricordate, contestualmente ai monumenti loro dedicati che qui hanno luogo, nonché sulla vita del conservatorio nel XVII secolo. Nel coro basso, invece, si ammirano le commissioni di Anna Maria Luisa de' Medici, nipote di Vittoria, ultima dei Medici, legatissima alla Quiete, e alcuni manufatti di eccezionale valore artistico e documentario per la spiritualità delle Montalve.

GLI INEDITI
Molte le opere del tutto inedite nel percorso espositivo, che presenta la storia della famiglia Martelli e del suo legame alla Chiesa fiorentina attraverso le sue committenze, quali la magnifica Croce Martelli, recentemente restaurata e qui presentata con una inedita valutazione critica ed attributiva. Sono inoltre presenti lo splendido e sconosciuto Sant’Agostino scrive sul cuore di santa Maria Maddalena de’ Pazzi, di Cosimo Ulivelli, e il commovente Ritratto di suor Diomira Allegri di Carlo Dolci, uscito per la prima volta dalle mura silenziose fra le quali è conservato. Inoltre il preziosissimo Ostensorio del 1619 ca., in argento e pietre preziose, opera di Jonas Falck, recante gli stemmi di Ferdinando I de’ Medici e di Cristina di Lorena e proveniente dal Convento della Santissima Annunziata. Insieme a ex voto, Agnus Dei, provenienti da numerosi prestatori, sedi pubbliche e collezioni private italiane, ma soprattutto da una straordinaria e inedita raccolta mai esposta al pubblico di oggetti sacri, medaglie, veli, berrette, “misure”, reliquiari e piccoli teatri sacri, ossia diorama con scene sacre, di eccezionale attrattiva.

 


Enti promotori

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze
Museo di Casa Martelli
Università degli Studi di Firenze
Dipint
Firenze, Villa La Quiete


Ideazione
Francesca Fiorelli Malesci

Progettazione
Maria Cristina Valenti Quintana
Andrea Niccolai
con Niccolò Bellini

Cura
Francesca Fiorelli Malesci

Direzione della mostra
Monica Bietti

Segreteria
Giulia Coco
per i rapporti con Villa La Quiete
Francesca Merz

Biglietto

Ingresso libero


Orario

La prima sezione espositiva sarà ospitata negli spazi museali di Casa Martelli (via Zannetti 8) coi seguenti orari:
• 6 dicembre: ore 16-18;
• 7 dicembre: ore 9-18,
• 8 dicembre ore 9-14;
• dall’11 dicembre a marzo: giovedì ore 14-19, venerdì ore 14-17, sabato e domenica (I-III-V del mese) ore 9-14.

La seconda sezione della mostra è ospitata a Villa La Quiete (via di Boldrone 2) e sarà visibile nei seguenti gionri:
• 6, 12, 13, 19 e 20 dicembre: ore 10-18;
• 2 gennaio-6 marzo 2015: solo il venerdì ore 10-18.

 

 

 

Autore

 

Marisa Cancilleri

 

 

 

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze