Tuesday, Nov 12th

Ultimo aggiornamento07:15:45 PM GMT

L'amore di Pablo Neruda per Firenze

L'amore di Pablo Neruda per Firenze

A centodieci anni dalla nascita di Pablo Neruda i Fiorentini nel Mondo desiderano ricordare il grande poeta cileno nel suo amore per la nostra città dimostrato durante la sua permanenza a Firenze.  Neruda fece tappa a Firenze il 9 gennio 1951 e dopo aver incontrato in Palazzo Vecchio il sindaco Mario Fabiani, fu ispirato a scrivere due poesie che sono andate quasi dimenticate e solo nel 1988 date alle stampe.

 

LA CITTA'

E quando in Palazzo Vecchio, bello come un'agave di pietra,
salii i gradini consunti, attraversai le antiche stanze,
e uscì a ricevermi un operaio, capo della città, del vecchio fiume, delle case tagliate come in pietra di luna, ...io non me ne sorpresi: la maestà del popolo governava.
E guardai dietro la sua bocca i fili abbaglianti della tappezzeria, la pittura che da queste strade contorte venne a mostrare il fior della bellezza a tutte le strade del mondo.
La cascata infinita che il magro poeta di Firenze lasciò in perpetua caduta senza che possa morire, perchè di rosso fuoco e acqua verde son fatte le sue sillabe.
Tutto dietro la sua testa operaia io indovinai.
Però non era, dietro di lui, l'aureola del passato il suo splendore: era la semplicità del presente.
Come un uomo, dal telaio all'aratro, dalla fabbrica oscura, salì i gradini col suo popolo e nel Vecchio Palazzo, senza seta e senza spada, il popolo, lo stesso che attraversò con me il freddo delle cordigliere andine era lì.
D'un tratto, dietro la sua testa, vidi la neve, i grandi alberi che sull'altura si unirono e qui, di nuovo sulla terra, mi riceveva con un sorriso e mi dava la mano, la stessa che mi mostro il cammino laggiù lontano nelle ferruginose cordigliere ostili che io vinsi.
E qui non era la pietra convertita in miracolo, convertita alla luce generatrice, né il benefico azzurro della pittura, né tutte le voci del fiume quelli che mi diedero la cittadinanza della vecchia città di pietra e argento, ma un operaio, un uomo, come tutti gli uomini.
Per questo credo ogni notte del giorno, e quando ho sete credo nell'acqua, perchè credo nell'uomo.
Credo che stiamo salendo l'ultimo gradino.
Da lì vedremo la verità ripartita, la semplicità instaurata sulla terra, il pane e il vino per tutti.

Pablo Neruda

 

 

 

 

Autore

 

Marisa Cancilleri

 

 

 

 

 

 

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze