Sunday, Jan 16th

Ultimo aggiornamento07:05:59 PM GMT

I Fiorentini nel Mondo sostengono Save Florence
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

I Fiorentini nel Mondo sostengono Save Florence

L’attuale enorme presenza turistica, se da un lato rappresenta una grandissima potenzialità economica purtroppo veramente mal sfruttata, dall’altro ha completamente snaturato la funzione culturale e naturale del patrimonio fiorentino nella vita collettiva causando dei gravi squilibri economici che hanno provocato l’impoverimento dei mestieri tradizionali.


Entrambi questi fattori, vista anche la struttura generale dell’economia presente sul territorio, sono i principali responsabili della strutturale mancanza delle risorse economiche e finanziarie locali che sarebbero necessarie a fermare il progressivo degrado del patrimonio artistico; inoltre molte opere artistiche e molte strutture architettoniche sono oggi sottoposte a maggior logorio a causa dalla presenza a Firenze di una enorme massa di visitatori che in passato non era stata prevista.

Ad esempio la Galleria degli Uffizi non era stata predisposta in origine per assolvere a funzioni museali e viene ora eccessivamente logorata dal calpestio di milioni di visitatori. Manca in loco anche la “forza lavoro” che potrebbe generare le suddette risorse economiche, visto che dopo il grande abbandono dalla città avvenuto fra il 1981 ed il 2001,l’indice di vecchiaia che nel 2001 si era attestato al valore massimo di 221 (cioè 221 vecchi ogni 100 giovani) è oggi fermo sul valore ancora altissimo di 214 (media italiana 144). Oltretutto si stanno anche perdendo quei mestieri tradizionali ed artigiani che potrebbero dare impiego a quelle poche giovani forze di lavoro ancora esistenti. Come non parlare poi dei mestieri finanziari che in passato hanno creato la ricchezza di Firenze e che ormai fanno parte solo della storia visto che il centro cittadino, essendo inagibile a causa dell’”invasione” turistica, ha perso quasi tutte le tipiche strutture necessarie ad esercitare la vita economica e finanziaria.

L’Istituto della Soprintendenza Speciale al Polo Museale Fiorentino, a cui è stata affidata da parte dello Stato Italiano la gestione e la conservazione del Patrimonio Culturale Fiorentino, non è in grado economicamente di garantire una protezione e una conservazione le più efficaci possibili e una valorizzazione la più attiva possibile del patrimonio culturale situato sul nostro territorio.

Lo Stato Italiano non sta adottando una politica generale intesa ad garantire la continuità delle funzioni originarie assegnate al patrimonio culturale cittadino nella vita collettiva di Firenze e ad integrare sufficientemente la protezione di questo patrimonio nei programmi di pianificazione generale. Il piano di gestione del centro storico cittadino redatto dal Comune di Firenze nel 2006/2008 per impulso dell’UNESCO, compiendo la sintesi dello stato di fatto del centro di Firenze (analisi SWOT: forza, debolezza, opportunità, minacce) individua fra i punti debolezza la difficoltà nella mobilità, la difficoltà di parcheggi per i residenti, la gestione nella raccolta dei rifiuti, la insufficienza dei fondi per il mantenimento del patrimonio storico artistico, la proliferazione di attività commerciali improprie, il disordine nell’arredo urbano, la scarsa consapevolezza nei cittadini, costi elevati per la manutenzione turistica, la limitata collaborazione fra le istituzioni, l’insufficiente coordinamento nella comunicazione; inserisce poi come minacce le presenze turistiche non governate, l’impoverimento del patrimonio artistico per inquinamento e mancata manutenzione, il rischio esondazione del fiume Arno per insufficienza di interventi preventivi, la mobilità fuori controllo, il degrado del paesaggio, lo spopolamento dei residenti e la perdita della identità culturale.

I piani di azione predisposti dal Comune all’interno del suddetto piano di gestione del centro storico, non solo sono inadeguati a fronteggiare le minacce ed i punti di difficoltà individuate dal piano medesimo, ma soprattutto: non evidenziano in alcun punto gli immensi problemi socio-economici che sono derivati alla Città di Firenze a causa del “recente” avvento del turismo di massa non predispongono alcun programma valido per il controllo dei flussi turistici a vantaggio dell’ ottimale sviluppo economico cittadino, non predispongono alcun programma valido per affrontare i grandi disagi che i turisti stessi soffrono a causa della cattiva organizzazione logistica dei servizi di informazione turistica e della mancanza di bagni pubblici, non affrontano in alcun modo il grosso problema delle lunghe ora di attesa per entrare nei principali musei (Uffizi e Accademia) ne si sono resi conto che esse sarebbero facilmente eliminabili intervenendo solo con delle piccole modifiche strutturali ed organizzative, non predispongono alcuna misura per rendere più sicuri i luoghi frequentati dai turisti dove abbondano borseggiatori e maniaci sessuali.

Investono somme insufficienti per il mantenimento e la valorizzazione del patrimonio artistico ed architettonico. Non riescono a trovare un coordinamento fra le varie istituzioni che faciliti la realizzazione delle iniziative di interesse pubblico e privato. Stabiliscono un soffocante regolamento per gli impianti pubblicitari che strangola il commercio in nome della tutela della “immagine culturale” della città.


“SAVE FLORENCE”
Le offerte possono essere inviate tramite bonifico sul conto 1055 intestato all’Associazione Internazionale Medicea presso CARILUCCA- Piazza Davanzati- Firenze IBAN IT 79Y 0620002801 00000000 1055

 

 

 

SAVE FLORENCE



Elenco dei progetti ideati dalla nostra associazione per il controllo dei flussi turistici:

1. CAMPAGNA PER LA RACCOLTA DI 5000 FIRME AFFINCHE’ IL CENTRO STORICO DI FIRENZE VENGA INSERITO NELL’ELENCO UNESCO DEL PATRIMONIO MONDIALE IN PERICOLO A CAUSA DELL’ INCONTROLLATO FLUSSO TURISTICO. www.firmiamo.it/save-florence
2. COMMITTENZA ALL’ATENO FIORENTINO OPPURE ALLA EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS DI UNO STUDIO PARTICOLAREGGIATO SUI PROBLEMI SOCIO-ECONOMICI CHE SONO DERIVATI ALLA CITTA’ DI FIRENZE DAL 1975 AD OGGI A CAUSA DELL’AVVENTO DEL TURISMO DI MASSA.
3. REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PARTICOLAREGGIATI PER IL CONTROLLO DEI FLUSSI TURISTICI IN RELAZIONE ALLA TUTELA ED ALLA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE IMPRESE ARTIGIANE, COMMERCIALI E FINANZIARIE FIORENTINE.
4. PIANO PER LA REALIZZAZIONE ALL’INTERNO DEL CENTRO STORICO FIORENTINO DI UNA RETE PRIVATA DI PUNTI MOBILI DI INFORMAZIONE E DI VENDITA DI SERVIZI TURISTICI ( “Tourist Angels”)
5. REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI MARKETING DIRETTI VERSO L’ESTERO E L’ITALIA PER INCREMENTARE LA CONOSCENZA DEL PATRIMONIO CULTURALE FIORENTINO AL FINE DI OTTENERE L’AUMENTO DEL TEMPO MEDIO DI PERMANENZA DEI VISITATORI A FIRENZE
6. REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI CONDIZIONAMENTO E CONTROLLO DEI PERCORSI DI VISITA DEI GRUPPI NUMEROSI DI TURISTI ( ABBIAMO ALMENO UN MILIONE E DUECENTOMILA CROCIERISTI ALL’ANNO+ TUTTI GLI ALTRI GRUPPI).
7. PROPOSTA DI UN TESTO NORMATIVO DA SOTTOPORRE AL CONSIGLIO COMUNALE CHE PREVEDA L’ IMPOSIZIONE, ALLE AGENZIE TURISTICHE CHE ORGANIZZANO VISITE GIORNALIERE A FIRENZE PER GRUPPI SUPERIORI A 25 PERSONE, DI UNA SPECIALE ALIQUOTA IN FAVORE DEL MANTENIMENTO DEL PATRIMONIO E CALCOLATA SUI RICAVI DEI TOUR IN CITTA’
8. REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INTERSCAMBIO ECONOMICO E CULTURALE REALIZZATI FRA PRIVATI PRESSO LE RESIDENZE MEDICEE MEDIANTE CENE ED INCONTRI CONVIVIALI CON LE PERSONALITA’ ECCEZZIONALI IN CONTINUO TRANSITO PER FIRENZE. TALI INCONTRI SAREBBERO REALIZZATI IN COLLABORAZIONE CON LE ISTITUZIONI STATALI E CON L’INTERVENTO PERSONALE DEL PRINCIPE OTTAVIANO DE’MEDICI DI TOSCANA DI OTTAJANO
9. REALIZZAZIONE DI MUSEI DIFFUSI URBANI DEGLI ANTICHI “GONFALONI”
10. REALIZZAZIONE DEL PROGETTO “LA FIRENZE DEGLI UFFIZI” CHE PREVEDEREBBE IL TRASFERIMENTO DI ALCUNE SIGNIFICATIVE OPERE DAGLI UFFIZI E LA LORO COLLOCAZIONE NEI LUOGHI ORIGINALI PER I QUALI ESSE FURONO CREATE.
11. PROPOSTE PARTICOLAREGGIATE DI MODIFICA DEGLI INGRESSI E DEI PERCORSI DI VISITA NECESSARI AD ELIMINARE IL PROBLEMA DELLE LUNGHE ORE PER ENTRARE ALLA GALLERIA DEGLI UFFIZI ED ALL’ACCADEMIA.
12. SOLLECITAZIONE ALLE AUTORITA’ DI PUBBLICA SICUREZZA DI PROGRAMMI DI INCREMENTO DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI TURISTICI MAGGIORMENTE FREQUENTATI: IN PARTICOLARE PER IL CONTROLLO E LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DEI BORSEGGIATORI E DEI MANIACI SESSUALI CHE MOLESTANO LE RAGAZZE NELLE CODE.
13. CENSIMENTO DEL PATRIMONIO CULTURALE A RISCHIO.
14. PROJECT FINANCING PER IL MANTENIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO ED ARCHITETTONICO A RISCHIO
15. PROPOSTE DI REVISIONE DEL REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PER RENDERLO MENO SOFFOCANTE DI QUELLO ATTUALE PUR RISPETTANDO LA TUTELA DELL’IMMAGINE CULTURALE DELLA CITTA’.
16. PROGRAMMI DI VALORIZZAZIONE DELLA CONSAPEVOLEZZA STORICA,ARTISTICA E SOCIOLOGICA DEI CITTADINI

CONTRIBUITE A FINANZIARE I PIANI DI AZIONE
Chi desiderasse elargire un contributo economico per finanziare gli studi previsti dal progetto Save Florence potrà inviare una somma a propria scelta sul conto corrente intestato ad Associazione Internazionale Medicea
Il bonifico potrà essere effettuato a favore del codice IBAN IT 79Y 0620002801 00000000 1055
Specificare nella causale il proprio nome e cognome e indirizzo mail e la motivazione “SAVE FLORENCE”.

PARTECIPATE ATTIVAMENTE ALLA REALIZZAZIONE DEI PIANI
Chi desiderasse diventare socio dell’associazione internazionale medicea e partecipare attivamente alla realizzazione dei piani di azione potrà inviare la somma di 25 euro quale quota associativa e spedire al nostro indirizzo di Borgo SS. Apostoli 12 -50123 Firenze, il modulo di richiesta associativa scaricabile dal sito internet www.de-medici.com

UN OMAGGIO VERRA’OFFERTO A TUTTI I SOSTENITORI
Tutti coloro che invieranno un contributo economico oppure si assoceranno alla nostra associazione riceveranno in omaggio una guida turistica in lingua inglese per alla visita alle opere d’arte fiorentine collegate al periodo delle grandi scoperte geografiche. La guida “Florence and the Discovery of America” ed. Firenze Libri -luglio 2012- è stata realizzata dalla nostra associazione insieme al Comitato Amerigo Vespucci a Casa Sua in occasione delle celebrazioni del 500° anniversario della morte di Amerigo Vespucci.

 

Borgo SS Apostoli 19- 50123 FIRENZE tel. 340-8966664
c/o EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.de-medici.com
C.F.94183650483

 

 

 

SAVE FLORENCE


CAMPAGNA PER LA RACCOLTA DI 5.000 FIRME
AFFINCHE’ IL CENTRO STORICO DI FIRENZE
VENGA INSERITO NELL’ELENCO UNESCO
DEL PATRIMONIO MONDIALE
IN PERICOLO
“SEMPER”
Borgo SS Apostoli 19- 50123 FIRENZE tel. 340-8966664
c/o EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.de-medici.com
C.F.94183650483

 


PERCHE’ FIRMARE LA PETIZIONE
In data 31 Agosto 2012 Don Ottaviano de’ Medici di Toscana di Ottajano, Principe di Toscana Titolare, Legatario pro-tempore della primogenitura testamentaria istituita da S.A.E. Anna Maria Luisa de’ Medici Elettrice Palatina in favore dell’agnazione medicea, Presidente dell’Associazione Internazionale Medicea, ha aperto la campagna per la raccolta di 5000 firme affinché il
CENTRO STORICO DI FIRENZE VENGA INSERITO NELL’ELENCO UNESCO DEL PATRIMONIO MONDIALE IN PERICOLO
A CAUSA DELL’ INCONTROLLATO FLUSSO TURISTICO, COMPOSTO DA BEN 16 MILIONI DI VISITATORI ALL’ANNO, (dati CST) RESPONSABILE IN GRAN PARTE DEL PROGRESSIVO DEGRADO DEL PATRIMONIO CULTURALE E DELL’AMBIENTE URBANO FIORENTINO, NONCHE’ DEL GRAVE ABBANDONONO DEL TERRITORIO DA PARTE DEL 20,5% LA POPOLAZIONE AVVENUTO NEL PERIODO DAL 1981 AL 2001 *( censimento 1981 ab. 448.331, censimento 2001 ab. 356.118). Qualora l’appello venisse accolto il “COMITATO DEL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO “ interverrebbe elargendo dei contribuiti economici oppure cercando di imporre al Governo Italiano delle soluzioni tecniche per il salvataggio di Firenze

 
 www.firmiamo.it/save-florence

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze