Tuesday, Nov 12th

Ultimo aggiornamento07:15:45 PM GMT

Porta Rossa, l'origine di una via fiorentina

Porta Rossa, l'origine di una via fiorentina

Passeggiando per le strade del centro, proprio dietro la Loggia del Porcellino, ci si trova all’improvviso in Via Porta Rossa e immediatamente due domande sorgono spontanee: dov’è la porta e perché rossa? La risposta alla prima domanda è semplice: Firenze si era dotata di una cinta muraria che oltre alle porte di accesso prevedeva una serie di “postierle” ossia delle aperture minori destinate al traffico pedonale.


Una di queste postierle era ubicata proprio in questa zona e la sua posizione è testimoniata dal ritrovamento dei resti nel 1732 durante l'esecuzione di lavori urbanistici. Ed ora rispondiamo alla seconda domanda: perché rossa? Perché la postierla era stata edificata con  mattoni in laterizio rossi, non intonacati, che venivano prodotti nella fornace di Via del Parione. Il laterizio è un prodotto in materiale ceramico a pasta porosa, utilizzato sin dalla preistoria nell'edilizia. Viene creato con argilla depurata, pressata in forme stabilite, asciugata e cotta in forni appositi ed assume quel colore tipico che de finiamo “rosso mattone”!  Inoltre per enfatizzare il nome della postierla i suoi battenti venivano verniciati di rosso.

 

 

Marisa  Cancilleri

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze