Wednesday, Sep 19th

Ultimo aggiornamento09:52:19 PM GMT

La conquista di Siena

La conquista di Siena

Conquista di Siena Giovanni Stradano Scudo con la battaglia di Scannagallo Rotella Odescalchi 1560 circa. Roma Museo di Palazzo VeneziaIl 17 aprile 1555 il governo repubblicano senese sigla con Cosimo de' Medici i capitoli della resa. L'atto però non pone fine alla guerra, il conflitto termina in maniera definitiva solo nel 1559 con gli accordi di Cateau Cambrésis. I capitoli sono firmati da Cosimo in nome di Carlo V. La clausola più odiata dai senesi fu quella che prevede Siena sotto la protezione del Duca Medici e quella del Sacro Romano Impero. L'interesse di Cosimo per la città del palio è dovuto al importanza geografica e politica della città, con l'annessione il Duca avrebbe: elevato il suo status a quello di principe all'interno del sistema dinastico italiano e risolto il problema dell'ostile repubblica, pericolosa per il sostegno che poteva dare ai fuoriusciti fiorentini.

La battaglia di Scannagallo, conosciuta nella storia anche come Battaglia di Marciano, fu combattuta il 2 agosto 1554 tra l'esercito franco-senese al comando di Piero Strozzi contro l'esercito ispano-mediceo assoldato dal duca di Firenze, Cosimo I de' Medici, comandato dal capitano di ventura Gian Giacomo Medici, marchese di Marignano detto: Medeghino o "Medichino". La battaglia si concluse nei pressi del villaggio del Pozzo. Gli eserciti si affrontarono nelle colline adiacenti il fosso di Scannagallo e l'esito sfavorevole ai Senesi segnò il declino della Repubblica di Siena costretta ad arrendersi definitivamente alla forza di Firenze nel 1559.

 

Conquista di Siena Assedio e resa di Montalcino nelle tavolette dipinte della magistratura di Biccherna 1559. Siena Archivio di Stato Collezione delle Tavolette di BicchernaAssedio e resa di Montalcino nelle tavolette dipinte della magistratura di Biccherna, 1559. Siena, Archivio di Stato, Collezione delle Tavolette di Biccherna

Nel tondo: Giovanni Stradano, Scudo con la battaglia di Scannagallo (Rotella Odescalchi), 1560 circa. Roma, Museo di Palazzo Venezia

 

 

 

Autore


Riccardo Mugellini

 

 

 

 

 

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze