Wednesday, Dec 12th

Ultimo aggiornamento05:46:08 AM GMT

Storie di Firenze e di Fiorentini

Morire dormire sognare forse…

giorgio albertazziNel 1964 Lawrence Olivier lo invitò a recitare Amleto all’Old Vic di Londra, unico attore non di lingua inglese, in occasione del quattro centenario di Shakespeare, regia di Franco Zeffirelli, celebre “anglo-becero”.  Giorgio Albertazzi, “fiorentino fuori porta” - nato a Fiesole nel 1923 - aveva il teatro nel sangue ed è stato un Grande della scena.

 

Leggi tutto...

Sabato 14 Maggio 2016 si celebra il Premio delle Arti "Fiorentini nel Mondo"

PosterA3 premio arti 2016 smallIl prossimo Sabato 14 Maggio 2016 l’Associazione Fiorentini nel Mondo in collaborazione con l’Accademia delle Arti del Disegno, la Società Dantesca Italiana, il Conservatorio di Firenze e il Rotary Club Firenze Michelangelo, celebreranno la sesta edizione del Premio delle Arti “Fiorentini nel Mondo” dedicato ad autori ed artisti che, attraverso le loro opere, fanno conoscere al mondo la cultura contemporanea di Firenze. I premiati della sesta edizione saranno segreti fino al momento della premiazione alla quale interverranno i candidati che sono stati convocati per il tradizionale riconoscimento che normalmente si tiene ogni anno in occasione del Capodanno Fiorentino, ovvero il 25 Marzo.

Leggi tutto...

Botticelli a Londra

venere reimagedA Londra è il momento di Botticelli: “pasticciato” nella mostra al V&A museum e “vignettista” alla Courtauld Gallery. Questa comunque è rimasta all’altezza della sua fama di raffinata espositrice di opere classiche: “Botticelli and the Treasures from the Hamilton Collection” è contenuta solo in due stanze, ma è una “cameo appearance” dell’artista fiorentino sulla scena londinese. Fra l’altro segna il ritorno in UK di parte di suddetta collezione, messa insieme con passione e discernimento dal X Duca di Hamilton e scialacquata dal discendente XII Duca, in bancarotta per le corse di cavalli e amenità simili.

Leggi tutto...

La regina delle tradizioni fiorentine

Secondo la tradizione, riferita dall'antico cronista fiorentino Giovanni Villani, la vetusta cerimonia dello "scoppio del carro" sarebbe da collegarsi alla prima Crociata, predicata a Firenze dal vescovo del tempo Ranieri ed alla quale parteciparono oltre duemilacinquecento concittadini, al comando di Pazzino di Ranieri de' Pazzi.  Il 15 luglio 1099, dopo un lungo assedio, l'esercito crociato conquistò Gerusalemme; Pazzino sarebbe stato il primo ad innalzare il vessillo cristiano sulle mura della città santa.

Leggi tutto...

Fiorentini nel Mondo e Capodanno Fiorentino

Fino al 1750 la data del 25 marzo a Firenze venne assunta come inizio del calendario civile. In altre città italiane ed europee, sin dal 1582, era invece già in vigore il Calendario Gregoriano in base al quale l’anno iniziava il 1° gennaio. Questa situazione durò fino a quando il decreto del Granduca Francesco Stefano di Lorena, al fine di  uniformare le registrazioni nelle scritture pubbliche  e per gli usi commerciali, in data 20 novembre 1749,  impose  l'uso del calendario gregoriano a partire dal 1° gennaio 1750.

Leggi tutto...

Paolo Poli, a Dio piacendo

Paolo PoliPer lui anche il paradiso Terrestre sarebbe stato noiosissimo senza il peccato di Eva: adesso Paolo Poli è andato a riguardare le bucce ad un altro Paradiso. Ho avuto il fratello come insegnante di Fisica, ho intervistato la sorella, ho conosciuto lui: Paolo Poli, attore e gentiluomo. Brillantissimo sulle scene e nella vita, quasi una persona di altri tempi, era dotato del vero spirito fiorentino: sagace, libero, colto. Mai volgare anche nella trasgressione, eclettico trasformista, funambolo verbale, ironico nella sfida al perbenismo, primo a trattare temi scabrosi ma sempre ben piantato nel buon senso.

Leggi tutto...

Firenze dedica una piazza al grande Fiorentino nel mondo Filippo Mazzei

filippo mazzeiL’Amministrazione Comunale di Firenze, l’associazione “Filippo Mazzei” e l'associazione Fiorentini nel Mondo hanno il piacere di invitare alla cerimonia di intitolazione della nuova piazza a Filippo Mazzei (1730-1816), fiorentino e cittadino del mondo, riconosciuto da John Fitzgerald Kennedy come “patriota e saggista, amico e ispiratore a Thomas Jefferson del grande principio di libertà “tutti gli uomini sono creati liberi e uguali" inserito nella Dichiarazione d'Indipendenza Giovedì 17 marzo alle ore 15.00 nella nuova piazza Filippo Mazzei a Firenze, presso il piazzale delle Cascine con accesso da piazzale Kennedy.

 

Leggi tutto...

Alla scoperta del Monastero di San Salvi e dei suoi tesori

Continuiamo la nostra visita virtuale a San Salvi.

Il quadro di Cosimo Rosselli rappresentante una "Madonna col Bambino" è conservato presso il monastero di San Salvi, nel quartiere 2. Il Museo di San Salvi, lontano dai grandi circuiti turistici, silenzioso, tranquillo, immerso in una pace irreale,  offre la possibilità di analizzare, studiare e visionare da vicino opere incredibili, come quella che andiamo a descrivere insieme.

Ricordo che il Museo di San Salvi è visitabile gratuitamente dal martedi alla domenica, fino alle ore 13,50.

Nell'immagine la Madonna col Bambino di Cosimo Rosselli

Leggi tutto...

L'ego dei Medici rappresentati come santi a San Salvi

Il quadro di Giovanni Maria Butteri rappresentante una "Sacra conversazione con i componenti della famiglia di Cosimo I rappresentati come santi". è conservato presso il monastero di San Salvi, nel quartiere 2. Il Museo di San Salvi, lontano dai grandi circuiti turistici, silenzioso, tranquillo, immerso in una pace irreale,  offre la possibilità di analizzare, studiare e visionare da vicino opere incredibili, come quella che andiamo a descrivere insieme. La scelta iconografica è alquanto particolare: una famiglia  reale che offre la propria immagine alla rappresentazione di santi, una bizzarra scelta dell'artista oppure una specifica richiesta del committente?

Nell'immagine il pittore fiorentino Giovanni Maria Butteri rappresenta la "sacra conversazione" con i componenti della famiglia di Cosimo I rappresentati come Santi.

Leggi tutto...

Le pietre angolari del governo fiorentino

palazzo del potere vecchioUna caratteristica costante della storia di Firenze è l'importanza, sia letterale che simbolica, dell'architettura come una dimostrazione vivida del potere e autorità politica. La coltivazione della influenza sociale e culturale della città ha mostrato l'evoluzione concreta dei suoi edifici civici come specchio perfetto dell'evoluzione delle sue idee ed ideali rinascimentali: un movimento verso l'alto attraverso le "tre età" secondo la concezione Vasariana della storia fiorentina.

Leggi tutto...

Pagina 4 di 60

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze