Sunday, Sep 24th

Ultimo aggiornamento11:47:28 AM GMT

Storie di Firenze e di Fiorentini

Paolo Poli, a Dio piacendo

Paolo PoliPer lui anche il paradiso Terrestre sarebbe stato noiosissimo senza il peccato di Eva: adesso Paolo Poli è andato a riguardare le bucce ad un altro Paradiso. Ho avuto il fratello come insegnante di Fisica, ho intervistato la sorella, ho conosciuto lui: Paolo Poli, attore e gentiluomo. Brillantissimo sulle scene e nella vita, quasi una persona di altri tempi, era dotato del vero spirito fiorentino: sagace, libero, colto. Mai volgare anche nella trasgressione, eclettico trasformista, funambolo verbale, ironico nella sfida al perbenismo, primo a trattare temi scabrosi ma sempre ben piantato nel buon senso.

Leggi tutto...

Firenze dedica una piazza al grande Fiorentino nel mondo Filippo Mazzei

filippo mazzeiL’Amministrazione Comunale di Firenze, l’associazione “Filippo Mazzei” e l'associazione Fiorentini nel Mondo hanno il piacere di invitare alla cerimonia di intitolazione della nuova piazza a Filippo Mazzei (1730-1816), fiorentino e cittadino del mondo, riconosciuto da John Fitzgerald Kennedy come “patriota e saggista, amico e ispiratore a Thomas Jefferson del grande principio di libertà “tutti gli uomini sono creati liberi e uguali" inserito nella Dichiarazione d'Indipendenza Giovedì 17 marzo alle ore 15.00 nella nuova piazza Filippo Mazzei a Firenze, presso il piazzale delle Cascine con accesso da piazzale Kennedy.

 

Leggi tutto...

Alla scoperta del Monastero di San Salvi e dei suoi tesori

Continuiamo la nostra visita virtuale a San Salvi.

Il quadro di Cosimo Rosselli rappresentante una "Madonna col Bambino" è conservato presso il monastero di San Salvi, nel quartiere 2. Il Museo di San Salvi, lontano dai grandi circuiti turistici, silenzioso, tranquillo, immerso in una pace irreale,  offre la possibilità di analizzare, studiare e visionare da vicino opere incredibili, come quella che andiamo a descrivere insieme.

Ricordo che il Museo di San Salvi è visitabile gratuitamente dal martedi alla domenica, fino alle ore 13,50.

Nell'immagine la Madonna col Bambino di Cosimo Rosselli

Leggi tutto...

L'ego dei Medici rappresentati come santi a San Salvi

Il quadro di Giovanni Maria Butteri rappresentante una "Sacra conversazione con i componenti della famiglia di Cosimo I rappresentati come santi". è conservato presso il monastero di San Salvi, nel quartiere 2. Il Museo di San Salvi, lontano dai grandi circuiti turistici, silenzioso, tranquillo, immerso in una pace irreale,  offre la possibilità di analizzare, studiare e visionare da vicino opere incredibili, come quella che andiamo a descrivere insieme. La scelta iconografica è alquanto particolare: una famiglia  reale che offre la propria immagine alla rappresentazione di santi, una bizzarra scelta dell'artista oppure una specifica richiesta del committente?

Nell'immagine il pittore fiorentino Giovanni Maria Butteri rappresenta la "sacra conversazione" con i componenti della famiglia di Cosimo I rappresentati come Santi.

Leggi tutto...

Le pietre angolari del governo fiorentino

palazzo del potere vecchioUna caratteristica costante della storia di Firenze è l'importanza, sia letterale che simbolica, dell'architettura come una dimostrazione vivida del potere e autorità politica. La coltivazione della influenza sociale e culturale della città ha mostrato l'evoluzione concreta dei suoi edifici civici come specchio perfetto dell'evoluzione delle sue idee ed ideali rinascimentali: un movimento verso l'alto attraverso le "tre età" secondo la concezione Vasariana della storia fiorentina.

Leggi tutto...

I Fiorentini nel Mondo celebrano a Londra il grande esploratore e botanico Odoardo Beccari

"beccari direttoreL’evento rappresenta un alto valore di scambio culturale e promozione dell’Italia e dei suoi grandi personaggi nel Regno Unito, nonché un altro esempio della proficua collaborazione instaurata con l’Associazione Fiorentini nel Mondo". Queste le parole del Console Generale d'Italia a Londra Massimiliano Mazzanti per il patrocinio concesso alla ‘serata fiorentina’ all’Accademia Italiana Artstur di Londra stasera, in onore di Odoardo Beccari, l’insigne naturalista, botanico, antropologo, zoologo, lo scienziato filosofo che conobbe Darwin già commemorato durante le celebrazioni per i 470 anni del Giardino dei Semplici di Firenze e nella lista degli ‘ingegni dimenticati’, ricordati nelle conferenze alla Libreria Salvemini. Una bella soddisfazione per gli eredi di Beccari che hanno sponsorizzato il ritorno del trisnonno a Londra, da dove questo, infiammato dall’entusiasmo di esplorare foreste vergini, mandò a casa un laconico avviso: «Vado» e salpò il 4 aprile 1865 verso il Borneo. 

Leggi tutto...

La voce di San Marco a Firenze

Beato Angelico San Pietro Martire 1442La Voce che Risuona nel Silenzio: il Convento San Marco nella Storia di Firenze. La storia culturale e religiosa di Firenze è veramente una casa in cui ci sono molti posti. Riflettendo l'osservazione del grande umanista della città, Leon Battista Alberti, che, “l’Architettore chiamerò io colui, il quale saprà con certa, e meravigliosa ragione, e regola, sì con la mente, e con lo animo divisare; sì con la opera recare a fine tutte quelle cose, le quali mediante movimenti dei pesi, congiungimenti, e ammassamenti di corpi, si possono con gran dignità accomodare benissimo all'uso de gli homini”.

Leggi tutto...

Il miracolo dell'olmo fiorito e la colonna di San Zanobi

Avete presente il Battistero? Ecco, Proprio di fianco alla porta Nord - o meglio la copia della Port Nord del Ghiberti - quella appena ricollocata per intendersi, si può ammirare una colonna con sopra impresso un olmo chiamata “la Colonna di San Zanobi”.

Molti vi passano accanto senza neanche degnarla di uno sguardo, giustamente attratti dalla magnificenza dei monumenti simbolo della zona religiosa di Firenze.

Ma questa colonna ha una storia molto particolare che, leggenda o realtà, amiamo raccontarci da mille e duecento anni. Mettevi comodi che ve la racconto anch’io.

Leggi tutto...

A Carnevale ogni scherzo vale!

A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE!

Questo il motto dei fiorentini che per carnevale o carnovale - periodo tra l’Epifania e il giorno delle ceneri - per le vie di Firenze cantavano, ballavano partecipavano ai corsi mascherati. La festa ha origini antichissime che risalgono a riti pagani, ripresi e reinterpretati dai cristiani. Riti che si compiono nel periodo successivo al capodanno e che durano fino alla quaresima quando la carne viene abolita dalle mense (carnem levare).

Leggi tutto...

L'altezza della cultura: il Campanile di Giotto

Campanile di GiottoNel pantheon delle glorie culturali che costituisce il centro storico di Firenze, è possibile indentificare un certo capolavoro, un monumento totemico, che dà lode perenne agli ideali artistici ed intellettuali della città del Rinascimento. Costruito tra il 1334 e il 1348, il Campanile di Santa Maria del Fiore era progettato dal Maestro di nuova nomina delle Opere della Duomo e genio della prima generazione del Rinascimento, Giotto di Bondone. L'edificio è un faro luminoso per la città, ed è pieno del simbolismo che illustra l'ethos umanistico Fiorentino che armonizza e integra tutti gli aspetti del impegno culturale ed intellettuale: la scienza e la religione, le arti meccaniche e le arti liberali, il mondo antico e quello contemporaneo - le dualità sempre comprese come le due ali della stessa aquila (quella rossa della Parte Guelfa, naturalmente), la quale attraverso l’attività dei grandi pensatori scolastici e umanistici della città prese volo e trasmise lo stesso ethos in tutto il mondo europeo.

Leggi tutto...

Pagina 4 di 59

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze